Sezione di Moncalieri



Bivacco Moncalieri



IL BIVACCO MONCALIERI Il bivacco Moncalieri è collocato nell’agosto del 1982 sulla cresta Nord-Est dei Gelas a quota 2710 m., in Valle Gesso di Cuneo, nel Parco Naturale Alpi Marittime, a circa 50 m. dal passaggio dei Ghiacciai ed a circa 30 minuti più in alto del luogo dove sorgeva il Rifugio Moncalieri, distrutto da una slavina in un brutto inverno di alcuni anni prima. Venne finanziato praticamente dalla generosità dei Soci e da quella cerchia di Amici ed Enti che da anni seguivano il nostro impegno sociale. Un nutrito gruppo di Soci poi, dedicarono il loro tempo libero allo studio ed alla realizzazione della costruzione. Venne montato e poi smontato nuovamente curandolo nei minimi particolari prima di trasportarlo al campo base di San Giacomo D’Entracque. Da qui gli elicotteri dell’ Elialpi lo trasportarono sulla piazzola a 2710 m. preparata in precedenza, ed un gruppo di Soci eseguì il montaggio definitivo. Solida costruzione in legno, studiato per resistere alle sollecitazioni dell’alta montagna, perlinato all’interno e rivestito con lamiera zincata all’esterno, ancorato a basamento di putrella d’acciaio annegata nel calcestruzzo e infine ancorato con una magliatura di funi di acciaio che funge anche da protezione contro le scariche atmosferiche. Il bivacco dispone di 9 – 12 posti letto con materassi di gomma piuma, coperte e cuscini. Sul retro il locale notte e appena entrati il locale giorno, con tavolino e panche. E’ sempre a disposizione degli alpinisti (la porta è solo chiusa con chiavistello). Può essere utilizzato per la traversata del gruppo del Gelas estiva o sci-alpinistica; per ascensioni alla Maledia, Chafrion, Gelas; per spostamenti dal rifugio Federici al Pagari, al rifugio Soria al Praiet, o al Colle delle Finestre e accesso al territorio francese. Accesso: Partendo dal paese di Entracque, oltrepassare l’abitato in direzione della diga dell’ENEL, quindi seguendo le indicazioni, dirigersi su strada asfaltata, verso la frazione di S. Giacomo. Oltrepassata la diga, dopo un paio di Km. ci si ritrova in un incrocio; seguire la strada di sinistra che in circa 6 Km. ci porterà a S. Giacomo, dove si lascerà la macchina. Attraversato il torrente Gesso su un ponte in muratura sulla sinistra, si trovano le ex case di caccia Reali, si superano alcuni tornanti ed un faggeto e ci si inoltra nel Vallone di Moncolomb, si supera dopo un quarto d’ora il Gias dell’Aiera e si taglia il Rio del Vallone del Frassinetto. Superato anche il Gias del Rasur la carrareccia si affaccia sul Pra del Rasur, grande pianoro pascolivo. Percorrendo il lungo pianoro, si guadagna lentamente quota sino al Gias Sottano del Vei del Bouc dove la carrareccia termina diramandosi in due mulattiere. Quella a destra che supera il torrente su un ponticello e transitando presso il Gias Colomb, ci porterà al Bivacco Moncalieri. Da qui inizia la salita che passando per la falda pascoliva della cima di Pantacreus, prosegue sulla mulattiera e trova prima il Gias Colomb e poi un emorme masso levigato. Svoltare a destra e dopo una serie di tornanti ci si inoltra in un faggeto dove si incontra una sorgente; proseguire fino al Gias di Pantacreus. Quindi un saliscendi su grandi massi tornando verso il Vallone del Pantacreus. Superato il Rio del Pantacreus, un sentiero si inerpica con ripidi tornanti su terreno franoso e poi erboso, puntando verso la cascata del ghiacciaio della Maledia; si trova poi una bellissima sorgente e inizia il sentiero che a sinistra porta al Passo soprano del Muraion ed al rifugio Federici –Marchesini al Pagari. Si continua a salire tagliando verso destra e compare lo spiazzo dove sorgeva il rifugio Moncalieri sulla sponda del Lago Bianco dei Gelas. Proseguire contornando a sinistra il Lago Bianco e si risale la morena del Ghiacciaio del Gelas, quindi verso destra e si raggiunge a quota 2710 m. il bivacco Moncalieri ( 5 ore da San Giacomo d’Entracque).