Sezione di Vicenza



ESCURSIONISMO - CALA` DEL SASSO
26/4/2020



Domenica 26        CALA’ DEL SASSO   

 Con i suoi 4.444 gradini è la scalinata più lunga d’Italia. Nel 1300 gli scambi commerciali erano ancora difficoltosi: in pianura serviva il legname che lungo “la Brenta” galleggiava sospinto dalla corrente, fino a Bassano, Padova e Venezia. Per Valstagna il taglio e la discesa dei tronchi a valle erano l’unica fonte di reddito. Nel 1398 quando, sotto la signoria di Gian Galeazzo Visconti, fu resa percorribile la valle del Sasso. Ne risultò una lunghissima scalinata, scavata nella roccia, che superava gli oltre 740 m di dislivello con gradini di pietra, fiancheggiati da una canaletta selciata concava per la quale venivano trascinati a valle i tronchi. Si parte da Valstagna 150 m. e si arriva a Sasso 945 m. Si imbocca la stradina sterrata che continua sul fondo della valle sino alla sorgente della Fonte Bessele dove, sulla sinistra, inizia la scalinata. Dopo una serie di pareti rocciose, gole e strapiombi, incontrando a quota 381 m l’innesto con l’Alta Via del Tabacco, si giunge in un prato in mezzo ad una radura di abeti. Sulla destra a poche centinaia di metri vi è la borgata del Sasso. Il ritorno verrà effettuato per altro percorso. 

 DISLIVELLO: 800 m TEMPI: ore 6.00 ORARIO PARTENZA: 7.30 CAPOGITA: Stefano Maron, cell. 340 7711967